19 AGOSTO 2012 : CHICKEN IN KITCHEN (WITH RICE !)

VERSO IL NOSTRO AMBULATORIO

Ho appena terminato un interessante incontro con 2 persone che lavorano nel campo del volontariato in Nepal; mi hanno dato una visone un pò più chiara di quello che il volontariato può fare  e quali sono le regole.
Simone Galimberti è un giovane italiano di poco più di 30 anni che fa parte della ONG (Organizzazione Non Governativa) CSSI (Centro Cooperazione Sviluppo, Italia).
In Nepal, Simone  ha il compito di: aiutare le popolazioni delle valli ad avere un ambulatorio fisso e a ricevere gli aiuti statali per quanto riguarda la salute e la scuola, l’ organizzazione ed attuazione dei programmi governativi di educazione ecc.
E’ in Nepal da diversi anni, parla un invidiabile inglese che, quando meno te l’ aspetti, inserisce quasi di continuo durante una chiaccherata in italiano; sembra quasi che gli sia più semplice parlare in inglese ( invidia profonda, spero ben celata), che in italiano , creandomi però momenti di shock-out dovuti ai cambi improvvisi di comprensibilità.
Milan Karki è invece un giovane nepalese che lavora come promotore finanziario dal lunedì al venerdì, per poi dedicare i suoi giorni liberi, sabato e domenica, al volontariato; suo compito è quello di produrre strumenti atti a migliorare la qualità dell’insegnamento nelle scuole delle valli periferiche, qualità che nel tempo è terribilmente peggiorata.
La diretta conseguenza  di questa  perdita di qualità è stata una importante riduzione degli studenti e un altissimo tasso di abbandono.
L’organizzazione  di cui Milan fa parte ha il non facile compito di rimotivare gli insegnanti, di convincere le famiglie a riportare i figli a scuola e far sì che tutti siano coinvolti nel formare una scuola di qualità; per imparare le strategie vincenti per raggiugere questo scopo, Milan ha seguito un corso specifico  in Giappone.
Fra le altre cose  da loro ho capito che nessuna NGO (Non Governative Organisation) può lavorare direttamente in Nepal; tutte devono associarsi ad una struttura nepalese e devono passare il vaglio dei ministeri competenti e detta così sembrerebbe anche una cosa ben fatta per una nazione del 3° mondo !
Con questo incontro volevo capire  quale era la situazione riguardante l’ educazione e la prevenzione sanitaria perchè  queste  costituiranno il 3° step delle attività che il nostro comitatato organizzatore  si è riproposto di attuare nell’ambito del progetto Ambulatorio De Marchi.
Vi ricordo brevemente i 3 gradini che avevamo previsto:
1°: medicina scolastica per i circa 700 studenti della Rarahil memorial School
2°: visite ambulatoriali per gli studenti e loro fratelli in età pediatrica con patologie mediche minori
3°: programma di educazione alla salute riguardante: igiene, vaccinazioni, prevenzione malattie.

Basta ! … non preoccupatevi, non ho intenzione di raccontarvi tutto quello di cui abbiamo discusso; chi è interessato o desidera collaborare in qualsivoglia maniera ci può contattare agli indirizzi indicati nel blog ……
Dopo esser stato per 2 settimane immerso fra nepalese e inglese, ieri quasi contemporaneamente a Simone, un gruppetto di italiani amici di Fausto De Stefani, alla fine di un loro viaggio turistico a KTM, sono venuti a visitare scuola e ambulatorio.
Così ho scoperto che mi è demandato anche il compito di  anfitrione, cicerone, guida locale ….  chissà se prima o poi non mi si chiederà di dare, fra un blog e l’altro, anche una mano in cucina. Non credo perchè sanno che creerei una rivoluzione alimentare : basta RISO, riduzione drastica dell’ hot chili, introduzione di carbonare, norme, matriciane, boscaiaole, puttanesche, gamberi alla buzzara o saganaki ecc.  Cosa ne pensate ?  Aspetto un vostro suggerimento per allargare il menù !
Non vi pare che forse comincio ad aver nostalgia di qualche alimento nazionale?
ma ,volli fortissimamente volli,  resto fedele al mio adorato DB !
E’ mai possibile che non riesca  a fare un articolo senza che DB non entri di sopPIATTO o di prepotenza nel discorso ?
Finito nel tardo pomeriggio di intrattenere qual novello Virgilio, i visitatori  e  rassegnato a a smettere di distruggere la pazienza di Simone con le mie migliaia di domande, sono partito per il mio solito giretto a piedi, questa volta verso Macchegaon, un paesino ai piedi delle montagne……. ma questa è un’ altra storia, una storia del domani.     Paolo

DOVE SI PRODUCE E RIPRODUCE IL DB

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: