ALTRI 2 POST AL PREZZO DI 1

Primo Post : STORIE DI QUI

*

Surje e Ghopal sono due fratelli che lavorano e vivono nella Scuola con le loro rispettive famiglie

Uno e’ Aiuto – cuoco, l’altro Factotum

Una moglie ed un figlio\a ciascuno          Rispettivamente di 5 e 2 anni e 1\2

La loro e’ una tipica storia di qui

Storia legata alla durezza del vivere, alla poverta’ estrema, alla impossibilita’ di dare ai propri figli una benche’ minima prospettiva di una vita diversa e decorosa

Cuginetti …….

…… e futuri dipendenti ?

Di Etnìa Tamang, provengono dal villaggio di Dhading

I Tamang sono un gruppo etnico di lontane origini tibetane, fortemente influenzato da quella cultura sociale e religiosa

Vivono nell’ area delle colline che stanno a Nord di Kathmandu

Di taglia piccola ma resistentissimi, sono fieri ed orgogliosi delle loro origini, benche’ siano da sempre impiegati per i lavori piu’ umili

A Kathmandu e dintorni, dove prevalgono i Newari, sono fuori di casa

E qui sanno riconoscersi immediatamente fra loro, ed i posti di lavoro sono pochi

All’eta’ di 15 o 16 anni hanno lasciato il loro villaggio e sono venuti a cercare lavoro nella Capitale e nella valle che la circonda

Lo hanno trovato : Manovali nel cantiere che stava costruendo il primo dei 4 edifici della Rarahil Memorial School qui a Kirtipur

Deve essere sembrata loro una sine-cura il duro lavoro da Manovali, se hanno deciso entrambi di lasciare il villaggio per stabilirsi definitivamente nella Scuola

Infatti il Preside Narajan, che soprassedeva ai lavori, ha saputo vederne impegno, forza e buona volonta’ ed ha proposto loro di restare

Si sono sposati ( V. Post “ Usi, costumi e Cerimonie “ ) ed hanno un figlio ciascuno : Ronj , maschietto di 5 anni e Aakshu , femminuccia di 2 e 1\2           Li avete appena visti

Lui timido e schivo, ma che pian – piano si sta “mollando”, lei vivace, intraprendente, simpaticissima

Ormai mi viene incontro con un “ Ciao Mauooo ….” o “ Bajee, Bajee “ ( = Nonno ….. ), che divertono tutti gli altri e commuovono me

Era evidente fin dai primordi dell’Umanita’ :      La donna ha conquistato l’uomo

Ed e’ finita cosi’ anche qui :        Al mattino, alla sera, non vedo l’ora di incontrarla……..

Si va all’asilo – 1

Si va all’asilo – 2

Si va all’asilo – 3

…… amori senili ………i piu’ pericolosi !

* * *

Rujal e’ un bambinetto magro – magro e troppo spesso, per la sua eta’, triste

Rujal

Ha 8 anni e vive da convittore nell’ostello della Scuola

Con i bambini convittori, una sessantina, faccio colazione al mattino e ceno alla sera

Ormai li conosco tutti, e tutti si rivolgono a me con un rispettoso “ Maurosèr “, salvo poi raggrumarsi attorno con mille domande e mille curiosita’

Io insegno l’italiano, loro il nepalese

Sono diventato una specie di “wikipedia “ :    Per una volta felice di esserlo

Dopo qualche giorno ho notato quel bambino, spesso solo ed in disparte, molto timido e mai sorridente Mi sono insospettito

Ho chiesto di lui a Rajja, la moglie di Sunil, due insegnanti senza figli che vivono dentro e sono un po’ mamma e papa’ di tutti

Rujal e’ orfano del padre , morto in un incidente, dall’eta’ di 6 anni

La madre poco dopo se ne e’ scappata con un altro uomo, lasciando il piccolo alla nonna, vedova e senza alcun cespite

Proviene da una famiglia di livello castale appena piu’ alto degli “ intoccabili “

Un piccolo esempio, tanto per capirci :  Durga lavora in cucina, ed appartiene alla Casta degli                     “ Intoccabili “          Mai una donna appartenente ad essa potrebbe solo entrare in una cucina

Ora lei ci lavora e tutti la accettano

Padre e nonno di Rujal erano macellai : Nessuno delle Caste superiori puo’ fare questo mestiere

Non so se quelle di De Amicis fossero storie vere o solo frutto della sua fantasia e dei suoi tempi

Quel che so e’ che questa e’ una storia con la verita’ scritta a stampatello sul volto di quel bambino

Che ora e’ anche un po’ mio

Ora sorride, appoggia la sua testa sulla mia spalla, mi chiama da lontano ….. …….

……Maurosèr ….Maurosèr …..

* * *

E’ consuetudine, come da noi a Natale, fare regali ai bambini per l’ormai prossimo Dasaìn

Sono andato a fare gli acquisti con la fida Shreejana, il cui vigile occhio aveva gia’ individuato le diverse taglie

Li ho voluti tutti insieme, in Ambulatorio

CHE FESTA ! CHE GIOIA ! CHE SORRISI !

Chi dà e chi riceve ?

Anch’io come Paolo vi faccio un indovinello :     Indovinate chi era il piu’ felice di tutti

V. ” Balotelli e gli Altri ” ……..

Premio : le solite bandiere tibetane

Domanda facile : Premio piccolo

* *

Perdonatemi questa specie di personale romanzetto d’appendice e strappa – cuore, che sa forse di “captatio benevolentiae “ ( e perdonatami anche questa citazione … ), ma quelle che vi ho descritto sono semplicemente delle storie                                           Soltanto che sono vere

E come sono verita’ i fatti, lo sono anche le emozioni ad essi legate

*

Secondo Post :     QUELLO CHE C’E’ E QUELLO CHE VORREMMO

*

Sono stato invitato a cena dal Direttore dell’Ospedale di riferimento dell’ADM

Persona gentile ed affabile

Attenta ai più deboli ed al futuro del suo Paese

Serata molto piacevole ed utile, in cui si e’ parlato un po’ di tutto

In sintesi estrema il messaggio emerso e’ che noi non siamo qui per dare loro il pesce gia’ pescato, ma per insegnare loro come usare la rete per pescarlo

I ragazzi sono il futuro di questo Paese, e non solo di questo

Mi auguro che ne avvertano la responsabilita’ tanto quanto Shreejana, la nostra giovane Infermiera

E’ questo un doveroso riconoscimento nei suoi confronti

*

Quello che c’e’ :         Primary Health Post di Kirtipur : poli-ambulatorio pubblico, con impiegati sonnecchianti ma sempre “Busy “, pazienti culturalmente e storicamente rassegnati ed attrezzature come da allegata documentazione

Sala – visita del Primary Health Post di Kirtipur

Farmacia del PHP

Laboratorio del PHP

……….Ostetricia …….

Quello che vorremmo :          “ L’ Ambulatorio De Marchi “ per tutti

*

Vogliamo che diventi il riferimento non solo per i ragazzi della Rarahil Memorial School, ma per tutti gli Studenti di Kirtipur, soprattutto quelli piu’ poveri, che hanno piu’ diritto degli altri a questo Standard di Servizi e di Igiene

Sala – visita Ambulatorio De Marchi

Farmacia ADM

Astanteria ADM

Fausto De Stefani ha voluto cosi’ per la Scuola

Noi lo vogliamo per l’ Ambulatorio

Lo dobbiamo ai ragazzi

Lo dobbiamo a Giuliano De Marchi

‘notte                                           Mauro

Annunci

8 commenti

  1. Grazie per farci partecipi, sei e siete una grossa ricchezza. Buona giornata. Daria

  2. Buon compleanno!!Smack!!……p.s……continua cosi’!!

  3. Prova collegamento antiinghippo

  4. Caro Maurosér, finalmente sbloccato l’inghippo tecnologico, ti rispondo dal blog.

    Attenzione agli amori senili che ti fanno giocare a calcio, chè poi rischi il ginocchio (do you remember Corrado?). In ogni caso, visto che ci stai prendendo gusto con i racconti, potresti anche sperimentarti nel romanzo: che ne dici di una versione di “Lolita” del Nepal? ;-)
    Sò bene che l’altra faccia del divertire é spesso meno allegra, ma i sorrisi che ricevi sicuramente ti arrichiscono e saranno da conservare nel cuore e nella mente.
    Dalle foto non si capisce se sei ingrassato, perché con tutte quelle colazioni e pranzi partecipati sicuramente anche il fisico ne proverà gusto.
    Buona continuazione Bajee, Bajee Mauoooo

    Ciao
    Luciano

  5. Caro Maurosér, come presidente del Partito della “Manera”, penso non potrai fare a meno di consigliare a tutti gli iscritti di provvedere a comprarsi -quando verrà messa in produzione- la bicicletta di cartone di cui puoi leggere e vedere al link sottostante.
    Se funzionerà anche nei saliscendi dei tuoi amati monti, potrai esportarla anche tra quelli dovi ti trovi ora. Facci un pensierino.

    Ciao
    Luciano

    http://www.zeusnews.it/index.php3?ar=stampa&cod=18413

  6. Mouro non sono amori senili, semplicemente è essere a contatto con i bambini che non hai mai avuto nè come figli nè come nipoti. Alla nostra età e con la nostra consapevolezza quello che ci spiazza è l’innocenza che sono destinati a perdere a causa della vita.
    Notte
    Curls

    1. Risposta cumulativa Curls : Hai perfettamente ragione e ne sono consapevole, ma mi piace farmi spiazzare D’altro canto ogni genitore, credo, viene spiazzato dal crescere dei propri figli Fin dalle prime parole
      Antonella : Grazie, anzi Dànnebad Sei sempre un tesoro …..speriamo che non lo leggano tutti ……. ma e’ pubblico il Blog ? Aiutoooo …. Luciano: per il momento mi sto allenando con una “Superior Bike ” per le strade di Kirtipur La bici di cartone non e’ la piu’ adatta ed esse, e qui non avrebbe molto successo Quanto allo scrivere, faccio gia’ abbastanza danni con un altro lavoro, il mio Vuoi che ne faccia di ulteriori anche con questo ?

  7. […] fratelli di etnia Tamang  che vivono qui (vi allego il link per andare a leggere la loro storia  https://ambulatoriodemarchi.wordpress.com/2012/10/17/altri-2-post-al-prezzo-di-1-2/ […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: