Topkapi

Istanbul,15 gennaio 2014

Questa mattina a causa della nebbia l’aereo è partito da Kathmandu con tre ore di ritardo perdendo la coincidenza con Venezia. La compagnia aerea ha quindi sistemato i passeggeri in un lussuosissimo albergo che sorge di fronte al palazzo Topkapi.
Mi sono quindi ripromesso di terminare la cronaca di questa avventura in albergo per lasciar decantare le non poche emozioni del giorno precedente; infatti ho vissuto la cerimonia di addio organizzata dagli amici Nepalesi con sofferta partecipazione e, nonostante vani tentativi di reprimerle, sono arrivate copiose le lacrime. Già altre volte leggendo il libro dei miei predecessori mi sono lasciato emozionare dalla loro prosa coinvolgente, ma le toccanti parole, dette in occasione del cerimoniale della loro tradizione, hanno superato ogni aspettativa: cosa avranno mai queste persone per suscitare moti dell’anima così intensi?
Concordo con l’ ultimo post di Elena quando dice così bene, che il nulla porta al nulla; inoltre aggiungerei che certe circostanze riescono a far riemergere una felicità a cui la socio-cultura ci ha costretto a rinunciare. Siamo nonostante tutto sempre soggetti alle nostre pulsioni: la frustrazione di constatare nella quotidianità , diminuita o abolita la ricompensa, vede forse nel nostro caso, appagata narcisisticamente la realizzazione di un sogno immaginato da altri e condiviso da noi.

Un affettuoso saluto a tutti .Gianpaolo Drago.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: