CHAMPA DEVI

Le grandi montagne del Nepal hanno visto compiersi decine e decine di imprese che hanno fatto la Storia dell’alpinismo Himalayano
Quel che segue è il “ Rècit de l’ascension “ di un’ altrettanto storica impresa compiuta Sabato,
approfittando di una finestra di tempo buono in questa stagione di pre – monsoon.

– Mt. CHAMPA DEVI – Variante iniziale per cresta Est alla Via dei primi Salitori ( A. Simiele, P. Grosso – 2013 – : Cfr. A. Berti )

Il Champa Devi sovrasta Kirtipur come il Serva lo fa con Belluno, o il Monte Avena con Feltre.
Più modestamente il Tranego lo fa con casa mia.

                                               Immagine
Falliti i miei precedenti tentativi alla vetta , questa volta , sanguisughe permettendo, dovrebbe essere la volta buona.
Affido al buon Narayan il compito non facile dell’organizzazione e della logistica, trasporti e cibarie compresi.
Data una rapida scorsa alle esperienze di Desio e Monzino, viene fatto il punto della situazione.
Di certo loro hanno avuto grandi difficoltà, ma qui è la quota ( m. 2225 ) a fare la differenza.
E’ infatti questa la prima domanda che mi viene fatta : – pensi che avrai qualche problema con il respiro ai campi alti ?
Il pensiero corre preoccupato al mio aspetto : ma dò proprio l’idea di uno che ha bisogno della bombola a 2.000 metri ? Evidentemente si . Devo prenderne atto e farmene una ragione.
Non me ne curo più di tanto, penso alle imprese di Fausto e vado avanti.
Si inizia con la lista, debitamente stampata, degli acquisti da fare e delle cose da portare.
Fra queste, dopo un “brain – storming “ sulle sanguisughe, mezzo etto di sale da cucina, ottimo antidoto contro i fastidiosi animaletti, ed una minuscola bottiglietta di “ Sancho “, a base di eucalipto, menta ed altre erbe, che ha la stessa funzione del sale.
E poi : pesciolini fritti e “chyura “ (riso battuto ) da offrire a Shiva , la cui statua ci attende in cima.
Mele, banane, biscotti, birra, carne, uova, “ hyam thwah “ una speciale birra fatta in casa, obbligatoria nei matrimoni e nelle cerimonie , completano le salmerie.
Ultime raccomandazioni sulla presenza del Leopardo e sull’odore di selvatico che emana.
Non ho ancora capito se abbia lo stesso significato del nostro “lupo”, ma sembra di no.
Mi sono venuti in mente i ricordi dell’infanzia, verso i 7 – 8 anni, quando mio Papà mi portava al Rifugio Antelao, allora gestito dalla Famiglia Lorenzet.
L’ansia e la vista dei preparativi non mi facevano dormire la notte, e la descrizione dell’itinerario : 1° tappa alle due baite di Coroi, poi subito prima delle temibili “ Grave “, quindi Forcella Antracisa e finalmente il Rifugio, mi dava un senso di profondo timore reverenziale.
Decisa la formazione delle cordate che tenteranno l’assalto finale : Narayan ed Anita, la nostra Infermiera, Sanchit e Niraj, il sottoscritto in “ free – solo “.
Decisa anche la Via : Variante d’attacco partendo da Pharping e non da Bosan ( forse prima italiana ), poi Via comune.
Partenza alle 6 e 30. In moto fino a Pharping. Ultimi acquisti lungo la strada.
Si legano. Io no. Si parte.
Da subito le difficoltà appaiono nettamente inferiori al previsto : un’ampia strada carrozzabile conduce infatti, attraverso un bellissimo bosco di conifere, ad un albergo – cottage.

                                         Immagine

                                       Immagine

Prima sosta. Su ampio terrazzino.
Proseguiamo. Sentiero ampio ed agevole, parte più difficile della salita, fino a raggiungere un tratto pavimentato cui fa seguito lunga scalinata in pietra. Seconda sosta. Ben attrezzata.

                                                Immagine
Ancora un po’ di strada, qualche spruzzata di “Sancho” e quindi, “ per facili roccette “, alla cima.

                                        Immagine
Dalla quale la vista sulla intera valle di KTM e le grandi montagne che appaiono all’orizzonte è davvero impressionante.

                     Immagine
Di fronte a noi i Gruppi del Langtang Lirung e del Dorje Lakpa con la prima neve alle quote più basse, un po’ più ad Ovest il Ganesh Himal . La cima dell’Everest dovrebbe essere visibile in secondo piano, ma è coperta dalle nuvole.

                                        Immagine

Decisamente ad Ovest l’elegante profilo del Manaslu, la montagna “dei giapponesi”.
Qualcuno giura, io no, anzi non ci credo, che nei giorni più limpidi si veda anche l’Annapurna II.
Offerto il Chyura a Shiva ci sediamo per il nostro “ dèjeuner sur l’ herbe “.

                                              Immagine

La birra sortisce i suoi effetti benefici, finiti i quali prepariamo le doppie per la discesa.

                                            Immagine
Che avviene per la via di salita.

                                         Immagine

Nessun leopardo, poche sanguisughe. Del primo si sarebbe sentito dapprima l’odore, poi un forte rumore nella boscaglia, ma ho il forte sospetto che sia la nostra storia del lupo.
Mi assicurano che i montanari locali che vanno per legna lo hanno visto e lo temono.
Ai montanari bisogna credere. Almeno a quelli di qui ……
Solito thè alla base della montagna. In moto nel traffico di rientro dal Tempio di Dakshinkali il Sabato, giorno di sacrifici.         Scuola. – Grazie a tutti voi per la bellissima giornata. – Grazie a te, è stato un piacere.    Piacere tutto mio.
A domani.   Per raccontare l’avventura.

‘notte Mauro

 

 

 

 

 

Annunci

2 commenti

  1. gianpaolo drago · · Rispondi

    La tua narrazione piacevole e accattivante ( come sempre) fa riemergere la tenera nostalgia per Kirtipur e per gli amici nepalesi.Bello,bello…
    Ciao Gianpaolo

  2. ….. cerco di farla venire anche a chi non è ancora venuto …..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: